Palazzo Zuckermann

Il Palazzo

Palazzo Zuckermann è un imponente edificio padovano, che si trova in Corso Garibaldi 33, in contiguità con l'edificio delle Poste Centrali.

Per più di vent'anni una parte dei suoi locali è stata adibita a posto telefonico pubblico. Attualmente fa parte del complesso dei Musei Civici di Padova ed ospita al piano terra e al primo piano il Museo di Arti Applicate. Il secondo piano è invece sede del nuovo allestimento del Museo Bottacin.

 

LA STORIA:

Risale ai primi anni del novecento la modifica del sistema viario urbano di Padova, con l'apertura del "rettifilo" che collega il centro della città con la stazione ferroviaria. Il piano regolatore edilizio approvato nel 1868 prevedeva l'espansione urbanistica verso nord rispetto al centro storico, con demolizioni e ricostruzioni degli edifici che allora seguivano la curva del canale navigabile, attualmente interrato, e che avrebbero fatto spazio all'ampio rettilineo destinato a diventare l'arteria principale della città. Oggi il rettilineo prende il nome di Corso Garibaldi e, più a nord, di Corso del Popolo. Su questa arteria principale si sarebbero affacciate nuove costruzioni in scala architettonica dominante rispetto a quelle preesistenti: le loro facciate scenografiche e le dimensioni monumentali avrebbero dovuto conferire alla città una immagine di maggior rappresentanza e di progresso.

Progressista era il committente dell'edificio, il cavalier Enrico Zuckermann, che era titolare della Zedapa, azienda di minuterie metalliche. La Zedapa, che si trovava nei pressi della stazione ferroviaria, era un'industria all'avanguardia dal punto di vista tecnologico; Zuckermann si era reso famoso anche per la tipologia innovativa del contratto di lavoro: in aggiunta alla paga base dei dipendenti, tale contratto prevedeva infatti un premio in caso di aumento degli utili dell'azienda.

Nel 1912 l'imprenditore inoltrò agli uffici tecnici comunali la domanda per la costruzione proprio in concomitanza con l'inizio dei lavori per l'attiguo palazzo delle Poste. Gli ingegneri Gino Farini e Alessandro Peretti, autori rispettivamente dei due progetti, avevano sottoscritto un accordo preliminare per delimitare rigorosamente i confini e per evitare che la convivenza fianco a fianco delle due ditte costruttrici ostacolasse l'avanzamento dei lavori. L'edificio, costruito tra il 1912 e il 1914 su disegni dell'architetto milanese Filippo Arosio, fu portato a termine dall'impresa padovana Benetazzo. In un primo momento l'opinione pubblica cittadina non ritenne opportuno esprimersi sull'opera, in quanto proprietà privata di un non concittadino; una volta ultimata, tuttavia, la costruzione fu elogiata dalla stampa per l'eleganza delle decorazioni esterne, per la luce che gli interni ricevevano dalle numerose finestre e per la signorilità dell'insieme.

 

 

MUSEO DI ARTI APPLICATE:

 

Il museo custodisce più di duemila opere d'artigianato artistico, dal medioevo all'età contemporanea.

Sono di particolare interesse le collezioni di ceramiche, risalenti al Cinquecento, e gli arredi, con mobili intarsiati del Settecento. Sono esposti anche oggetti d'uso quotidiano, come i capi d'abbigliamento maschile e femminile del Settecento e Ottocento, con vari accessori e i gioielli.

 

 

MUSEO BOTTACIN:

 

Il museo custodisce le collezioni donate nel 1865 dal numismatico Nicola Bottacin. Sono esposte monete greche, monete e medaglioni romani e bizantini; il percorso storico prosegue con le monete dell'epoca medievale, fino al Rinascimento, all'Italia e ai nostri giorni. Particolarmente curata la sezione riguardante l'emissione di monete nell'area veneta, e la medaglistica con opere di Giovanni Cavino.

Tra le opere d'arte, sono esposti dipinti e sculture, tra cui è di rilievo il Busto del doge Paolo Renier, del Canova; sono presenti anche armi antiche e cimeli dell'arciduca Massimiliano d'Asburgo, amico del Bottacin.

 

 

Fonte e approfondimenti:

Palazzo Zuckermann. (5 agosto 2015). Wikipedia, L'enciclopedia libera. Tratto il 21 ottobre 2015, 16:10 da //it.wikipedia.org/w/index.php?title=Palazzo_Zuckermann&oldid=74362320.

 

 

 

Info

Corso Garibaldi, Padova

 

 

Zona Traffico Limitato


Tel. (+39) 0498205664 


orario:

tutto l'anno 10:00 - 19:00 


chiusura: tutti i Lunedì non festivi, 25 e 26 Dicembre, 1 Gennaio, I Maggio.

 
Biglietteria unica:

Musei Civici agli Eremitani, Sala Multimediale, Palazzo Zuckermann: 


Biglietto intero € 10,00 
Biglietto ridotto  € 8,00 per:

Gruppi di min. 10 persone
Biglietto ridotto speciale € 6,00 per:

Gruppi di min. 10 persone iscritte ad Associazioni aventi finalità istituzionali di tipo socio- culturale e soci convenzionati;

I lunedì non festivi per gruppi di almeno 10 persone;

Over 65 dell'Unione Europea;

Studenti singoli universitari muniti di libretto fino a 26 anni.


Biglietto ridotto speciale scuole       € 5,00 
Biglietto ridotto "Impara il Museo"  € 1,00 per scolaresche di Padova e provincia.


Gratuito per bambini fino a 5 anni, giornalisti e guide regolarmente iscritte all'albo.

 

 

 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
Dpadova di Victoria s.n.c. P.iva: 03474670282 Tutti i marchi, le immagini, i nomi citati e/o visualizzati appartengono ai legittimi proprietari. Vai alla pagina "Termini e Condizioni"

E-mail